venerdì 29 Maggio 2020
Home Consigli Come togliere la muffa dalle pareti esterne

Come togliere la muffa dalle pareti esterne

La muffa è un cattivo nemico per la salute delle case. Se la muffa inizia a stabilirsi in un muro è difficile da estirpare una volta che l’effetto dei trattamenti inizia a svanire.

I muri esterni sono sempre un ambiente congeniale allo sviluppo delle muffe, perché la pioggia vi batte sopra e spesso si trovano in posizioni in ombra, ideali per lo sviluppo visto che predilige gli ambienti non esposti al sole.

Quando il muro dovesse cominciare a presentare segni di presenza di muffe nerastre o peggio ancora rosse, è il caso di passare all’azione e rimuovere completamente questa minaccia prima che invada l’intera facciata ed entri persino dentro casa. Vediamo quindi come togliere la muffa dalla pareti esterne.

Occorrente:

  • Acqua
  • Candeggina
  • Un pennello
  • Un tubo di gomma attaccato ad un rubinetto
  • Un’idropulitrice
  • Vernice antitraspirante

Per prima cosa dovete individuare la fonte della muffa.

Le condizioni primarie sono le zone d’ombra o dove il sole non batte direttamente. Se possibile devono essere rimossi gli ostacoli che impediscono alla luce di raggiungere il muro, come per esempio cataste di legna o cose ammucchiate oppure persino siepi.

Una volta riportata all’aria la parete si deve bagnarla abbondantemente con acqua, in modo da renderla leggermente porosa.Dopo aver bagnato il muro bisogna preparare una soluzione di tre parti di acqua e una di candeggina e passarla sulla muffa, usando un grosso pennello o una spazzola, lasciando agire il tutto finché non si vede che inizia ad asciugare, tenendo conto che più grande è il pennello utilizzato e meno tempo si impiegherà nello stendere il disinfettante.

La candeggina contiene cloro che tossico per la maggior parte degli esseri viventi ed in particolare per i funghi e le muffe.

Questo trattamento dovrebbe riuscire ad uccidere tutte le parti aeree delle muffe, che sono quelle che vediamo poi ad occhio nudo.

Quando la candeggina avrà iniziato ad asciugare, prendiamo un’idropulitrice ed aiutandoci con uno spazzolone passiamo a sfregare in maniera energica la superficie trattata per eliminare eventuali spore rimaste attaccate che potrebbero aver resistito all’azione disinfettante della candeggina ed essere pronte a rifiorire in pochi giorni.

Purtroppo questo trattamento piuttosto energico è deleterio per la tintura della parete che probabilmente subirà dei danni.

Dopo aver lasciato asciugare conviene tinteggiare l’intera parete in quanto durante la formazione della muffa e poi per via del trattamento si perde il colore, quindi per questioni estetiche si ricorre alla verniciatura.

La cosa migliore è optare per una vernice antivegetativa e antitraspirante in modo da limitare le infiltrazioni e prevenire la formazione della muffa. Si consiglia di eseguire almeno una volta l’anno un trattamento, se la casa si trova in un’area con clima umido e piovoso, soprattutto sotto ai portici.

In ogni caso è utile spruzzare una soluzione di candeggina al 10% all’inizio dell’autunno per prevenire l’attacco della muffa con la stagione umida.

Non lasciate che la muffa si allarghi, agite subito per estirparla.

@cercaconsigli
Da circa 10 anni ho fatto del web la mia passione. Condivido guide e consigli di ogni genere che possano essere di aiuto a chiunque. Felice di poterti consigliare 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti al canale telegram di cercaconsigli.it

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vuoi ricevere offerte, promozioni e sconti?
Iscriviti subito alla nostra newsletter!
Niente spam, solo email utili e di qualità.

HAI GIà letto questi?

Erbe officinali efficaci per combattere l’insonnia

Erbe officinali efficaci per combattere l'insonnia un disturbo molto diffuso  si stima ne soffra circa 9 milioni di italiani L’insonnia non sempre e' facile da...

Come pulire i condizionatori di casa

Come pulire i condizionatori di casa, con  l'aiuto di questa efficace guida, si desidera dare una mano a coloro che non sanno proprio come...

Cioccolatini con nocciole fatti in casa

  Come preparare i cioccolatini con nocciole I cioccolatini fatti in casa sono facili da realizzare e sono alla portata di tutti poiché non avrete bisogno...

Come togliere le macchie di nicotina dalle mani

Come togliere le macchie di nicotina dalle mani, molti fumatori vivono il disagio delle macchie di nicotina che si depositano sulle unghie e sulle...

Casatiello pasquale, tipico della cucina napoletana

Casatiello pasquale, protagonista indiscusso della tavola napoletana e calabrese da consumare nel periodo della Santa Pasqua, trova forma grazie a questa ricetta originale. Tipico della...