sabato 21 Settembre 2019
Home Consigli Come conservare le patate, che non possano germogliare

Come conservare le patate, che non possano germogliare

Le patate sono tra gli alimenti più conosciuti e consumati al mondo e, se conservate in modo corretto, possono durare a lungo tanto da essere raccolte in estate e consumate per tutto l’inverno.

Le patate vengono acquistate in sacchi di tela oppure raccolte in diversi periodi dell’anno in base alla varietà e alla semina. Le patate si possono seminare tra ottobre e aprire, fino a maggio per chi abita nelle zone di montagna e nell’Italia dell’estremo settentrione.

Questi tuberi si raccolgono per lunghi periodi dell’anno e in base alla zona geografica e alla varietà, è sempre possibile avere patate novelle.

Due fattori importanti da rispettare per assicurare una buona conservazione delle patate sono la temperatura e la luce. Le patate vanno conservate in un luogo fresco, con una temperatura che va tra i 4° e i 12° C, temperature superiori o inferiori possono pregiudicarne la conservazione. Attenzione all’estate, in questo periodo, è difficile trovare zone con temperatura inferiore ai 12 °C, quindi la scelta obbligata prevede l’impiego del frigorifero a meno che non viviate in campagna, dove sfruttare la freschezza del terreno e della paglia per ricreare il microclima adatto alla conservazione della patata.

Se si supera la temperatura di 12°C, le patate tenderanno a germogliare.

Le patate  possono andare in frigorifero nel cassetto più basso, dedicato alle verdure, dove la temperatura non scende mai sotto i 6°C. Se la temperatura è troppo bassa, le patate tenderanno ad addolcirsi comportando un imbrunimento al momento della cottura. Non conservate mai le patate in frigo, a meno che non abbiate un cassetto per le verdure ad alta temperatura. I frigoriferi americani hanno un cassetto con temperatura intorno ai 6 °C.

Chi cerca di conservare le patate improvvisandosi contadino, deve fare i conti con diverse piaghe:

  • Patate che germogliano
  • Patate che marciscono
  • Patate che diventano verdi
  • Patate che esternamente sembrano sane ma all’interno imbruniscono
  • Le patate marciscono quando, per un tempo troppo lungo, sono stipate a una temperatura eccessivamente elevata e in presenza di molta umidità.
  • Le patate germogliano quando la temperatura è compatibile con la loro fase vegetativa della germogliazione, non germoglieranno mai se tenute a 6 – 8 °C.
  • Diventano scure all’interno se sono sottoposte a bassissime temperature (meno di 4 °C) e la buccia della patata diventa verde se ricevono troppa luce.

Le patate vanno conservate in un ambiente buio, la presenza di luce eccessiva può provocare un’alterazione della buccia, che tenderà a diventare di colore verdastro perché gli amiloplasti tenderanno a differenziarsi e lasciare spazio ai cloroplasti fotosintetici con la presenza di clorofilla verde.

Prima della cottura, eliminate ogni eventuale macchia verde o i germogli formati.

Se disponete di una cantina, potete conservare le patate in questo ambiente nella zona meno umida.

Il metodo naturale per evitare che possano germogliare sta nel mantenerle a una temperatura intorno ai 6 -8 °C.

Si posssono conservare anche cotte. Dopo cotte, le patate possono essere conservate per qualche giorno in frigorifero, con tutta la buccia ed avvolte nella pellicola. Le patate si possono congelare ma solo dopo cottura. Per conservare le patate dopo la cottura basta sbucciarle poi, lavate e tagliate le patate, fatele bollire per circa un minuto in acqua salata. Scolatele e tamponatele con uno strofinaccio pulito prima di riporle nei classici sacchetti per il freezer. Al momento della conservazione fate uscire tutta l’eventuale aria. Se usate la conservazione sottovuoto, le patate già sbucciate potranno essere conservate fino a 12 mesi.

Se invece desiderate conservare patate fritte, potete procedere con una pre-frittura in olio bollente per pochissimi minuti, per poi tamponarle accuratamente con carta assorbente da cucina e successivamente congelarle. Nell’ideale dovreste disporre di un abbattitore di temperatura, usando i classici elettrodomestici che avete in casa, ventilatore, getti d’aria fredda, cercate di far raffreddare le patate pre-fritte nel più breve tempo possibile. Al momento dell’utilizzo occorrerà semplicemente completare la frittura delle patate senza doverle scongelare prima, proprio come fareste con quelle acquistate al supermercato.

@cercaconsigli
Da circa 10 anni ho fatto del web la mia passione. Condivido guide e consigli di ogni genere che possano essere di aiuto a chiunque. Felice di poterti consigliare 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vuoi ricevere offerte, promozioni e sconti?
Iscriviti subito alla nostra newsletter!
Niente spam, solo email utili e di qualità.

HAI GIà letto questi?

Cassatelle siciliane voglia di Carnevale

Le cassatelle siciliane sono dei dolci di Carnevale tipici della Sicilia, e in modo particolare della provincia di Trapani e di quella di Palermo. Nel...

Usi insoliti del vostro forno a microonde

Ce lo abbiamo quasi tutti in casa, ma non sappiamo sfruttarne appieno le sue potenzialità, ma perché limitarsi a cucinare, riscaldare e scongelare, con...

Verza stufata con la pancetta un contorno buonissimo

La verza è una verdura tipicamente invernale, ora la si trova a prezzi giusti, stufata con la pancetta è un ottimo contorno, ricetta facile...

Suggerimenti per il doppio mento, semplici esercizi

Il doppio mento può dipendere da questioni genetiche e dall'età, tuttavia, alcuni esercizi consentono di eliminare il doppio mento e di restituire tonicità al...

Dermatite da pannolino come evitarla, cause e rimedi

Tra i disturbi più frequenti con cui una mamma può trovarsi ad avere a che fare è la dermatite da pannolino, consigli per aiutarvi,...