venerdì 21 Febbraio 2020
Home Consigli Curiosità Come conservare le castagne per molto tempo

Come conservare le castagne per molto tempo

Come conservare le castagne per lunghi periodi, come cucinarle e dove raccoglierle, alcuni consigli per voi

Nel mese di ottobre inizia il periodo delle castagne e per raccoglierle: durante le belle giornate autunnali possiamo recarci nel bosco più vicino per andare a caccia di castagne. Le zone boschive sono ideali per raccogliere le castagne e valgono le stesse regole usate per la raccolta dei funghi. Funghi e castagne, infatti, sono un binomio perfetto. Non tutte le aree boschive sono idonee alla raccolta libera di castagne e funghi. Le zone boschive non adatte sono quelle adottate come riserve oppure come coltivazioni private. Le riserve boschive e le zone boschive destinate alle coltivazioni private sono facili da individuare: in genere vi sono dei cartelli di avvertimento e se notate un sottobosco molto pulito, sicuramente sarà destinato alla coltivazione privata. E’ altrettanto importante capire se nella propria Regione vi sono vincoli che impongono un limite di raccolta giornaliero; in genere, in alcune Regioni, è fissato un tetto massimo di 2 kg di castagne a persona.

Come riconoscere le castagne buone? Sono quelle con la buccia integra, senza forellini e soprattutto dalla consistenza soda. 

Le castagne, una volta raccolte, se non trattate hanno una vita breve e non sarà possibile conservarle a lungo per consumarne un po’ per vola. Per fortuna vi sono delle tecniche di conservazione delle castagne che consentono di conservare castagne crude o cotte.

Conservazione delle castagne con metodo Novena

Questo sistema consiste nel mettere le castagne a bagno in acqua fredda per un periodo di 9 giorni ricordandosi di cambiare acqua quotidianamente. Eliminate le castagne che salgono a galla, anche quelle che salgono a galla negli ultimi giorni. I gusci rimasti sul fondo del contenitore devono essere asciugati accuratamente per poi essere messi in frigorifero. La conservazione delle castagne fresche con questo metodo può raggiungere e superare i tre mesi.

Congelare le castagne

Le castagne possono essere conservate nel congelatore ma solo dopo essere state lavate e controllate con cura. Lavate le castagne, asciugatele e incidete il guscio prima di riporle in un sacchetto da freezer. Una volta congelate, le castagne potranno essere conservate a lungo e cucinate in padella o bollite, proprio come appena raccolte. 

Per pulire le castagne ed inciderle, potete usare un coltello da innesto o un apposito strumento come la Pinza Taglia Castagne

@cercaconsigli
Da circa 10 anni ho fatto del web la mia passione. Condivido guide e consigli di ogni genere che possano essere di aiuto a chiunque. Felice di poterti consigliare 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Vuoi ricevere offerte, promozioni e sconti?
Iscriviti subito alla nostra newsletter!
Niente spam, solo email utili e di qualità.

HAI GIà letto questi?

Deliziosa e buona torta cremosa al caffè

Deliziosa torta cremosa al caffè, un dolce a base di ricotta e senza farina, con l’aroma inconfondibile del caffè. Facile da realizzare. Utilizzare una...

Il bucato è più veloce con LG TWINWash

Non è semplice, fare un bucato perfetto, oggi, però, è più semplice che nel passato,  il merito è della tecnologia LG TWINWash Non è semplice...

Gli odori che infastidiscono i nostri gatti

I gatti non sopportano l'odore di aceto, ma nemmeno quello degli esseri umani. In genere gli esseri umani sono guidati dal senso della vista,...

Micosi alle unghie di mani e piedi: sintomi e rimedi

L’onicomicosi o micosi delle unghie è un’infezione che colpisce una o più unghie ed è causata da un fungo; non è un disturbo pericoloso,...

Emorroidi esterne, cura con rimedi naturali

Le emorroidi, un disturbo molto diffuso, spesso taciuto o confidato solo al farmacista, non trascurate, piccoli consigli per voi In alcuni casi gravi e...